Swot: analisi interna ed esterna all’impresa a cosa serve

La sigla che spesso si sente utilizzare nel settore del marketing, SWOT (Strenghts Weaknesses Opportunities Threats) serve ad identificare il processo che serve ad analizzare i punti di forza e di debolezza di un’impresa e le varie opportunità e minacce. Lo SWOT è dunque un processo di analisi interne ed esterne all’azienda, un audit strategico che è uno dei punti fondamentali per stilare un piano di marketing efficace, perché lo swot audit in pratica fa da guida all’identificazione e al monitoraggio degli obiettivi e dei programmi di sviluppo. Grazie ad un analisi swot si potrà dare risposta a diverse domande che per chiunque voglia promuovere efficacemente un prodotto sono fondamentali da porsi come ad esempio:

  • Qual è il mercato nel quale agire?
  • Qual è la mission dell’impresa?
  • Quali sono le potenziali minacce per la riuscita della strategia di marketing?
  • Quali opportunità si possono cogliere?
  • Cosa porta al successo in determinati mercati?
  • Che vantaggio si può avere rispetto alla concorrenza?


Una corretta swot analysis non può prescindere dal partire con una descrizione dell’impresa delle sue prospettive future e del mercato nel quale opera. Oltre a ciò nella stesura di un’analisi swot vanno chiariti principi e valori dell’azienda, la mission aziendale. In questa parte del documento va dunque accennato a quella che è la storia dell’impresa, dalle origini fino a quel momento passando per tutte le trasformazioni avvenute. Analizzare la storia dell’azienda è un utilissimo metodo per comprendere l’attuale situazione aziendale e riuscire ad avere la consapevolezza di poter decidere in quale direzione andare, quali strategie scegliere, su cosa puntare se ad esempio è il caso di fare un riposizionamento o continuare per la strada intrapresa con l’ultima trasformazione avvenuta in azienda. Con l’analisi swot dunque come prima cosa va analizzato il percorso dell’impresa che dalla sua fondazione l’ha portata ad essere quella che è nel presente.

Con l’analisi swot si deve inoltre definire il campo d’attività, il contesto del mercato in cui l’azienda opera nel presente e in prospettiva futura potendo specificare gli obiettivi prioritari ed i vincoli che possono essere gli stessi valori espressi nella mission.

SWOT analisi esterna

Una completa analisi swot non può prescindere dall’osservazione sia dei fattori esterni che interni all’impresa. Con L’analisi della situazione esterna si può comprendere l’attrattività del mercato ed è definibile un processo di analisi di minacce e opportunità che possono derivare dalle condizioni ambientali di micro e macro ambienti. Essendo di natura esterna, tali opportunità e insidie che possono derivare dai mercati sono molto variabili e spesso non facilmente controllabili. Attraverso un’analisi esterna aziendale, vengono analizzate le tendenze di mercato, il comportamento del target di clienti, come si evolve la distribuzione del prodotto, in quale contesto opera l’azienda, quali sono le caratteristiche e le dinamiche dell’ambiente esterno in cui si opera. L’analisi esterna è una parte dell’analisi swot importantissima anche perché si possono definire le dimensioni del mercato di riferimento, la vita media di un prodotto, il livello di esposizione pubblicitaria che i competitors hanno, se ci sono state recenti modifiche al prodotto come innovazione ecc ecc.

Elementi analisi esterna

  1. Opportunità
  2. Minacce

 

SWOT analisi interna

Grazie all’audit interno si possono identificare fattori interni all’impresa stessa come ad esempio quale vantaggio competitivo ha sul quale basare la propria strategia. Mentre con l’audit esterno si analizzano opportunità e minacce provenienti appunto dall’esterno, grazie all’audit interno un analisi swot è in gradi di identificare  i punti di forza e i punti deboli dell’azienda rispetto ai competitor. Vantaggio competitivo, punti di forza e di debolezza saranno un faro da seguire per lo sviluppo dell’impresa e del brand agevolando il processo di creazione del brand positioning da un lato e per intervenire sui punti di debolezza con azioni di correzione dall’altro. Visto che a differenza dei fattori esterni quelli interni possono essere più facilmente controllati, è importantissimo avere un quadro concreto e non astratto sia dei punti di forza che di debolezza rapportandoli ai competitors principali del mercato.

Elementi analisi interna

  1. Punti di forza
  2. Punti di debolezza

 

Come fare un’analisi SWOT

swot analisi schema

Nell’immagine è rappresentato uno schema di impostazione per pianificare le operazioni di analisi interna ed esterna dell’azienda.  Per una corretta swot analysis è bene suddividere schematicamente punti di forza e debolezza, opportunità e minacce, distinguendo tali fattori in fattori interni o esterni. Mentalmente è anche possibile identificare i diversi punti come positivi o negativi, schematizzando così, oltre ad avere le idee chiare su analisi competitiva, analisi di marketing e analisi di mercato, anche su quali siano gli elementi negativi delle diverse aree (interna o esterna) che da punti di debolezza devono diventare punti di forza.

 

 

 

 

 

HotLead
Connettiti

HotLead

HotLead è il marchio della lead generation. Siamo specializzati nel creare sistemi professionali di lead generation per aziende, per generare contatti e vendite.
HotLead
Connettiti

Latest posts by HotLead (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest